AMORE A DISTANZA: COME AFFRONTARE I CHILOMETRI CHE CI SEPARANO

L’amore a distanza esiste eccome!

C’è chi può non essere d’accordo, o chi non avrebbe mai il coraggio di affrontare una relazione di questo tipo, ma l’amore a distanza è ormai all’ordine del giorno.

I tempi sono di certo cambiati, e la globalizzazione ci permette di viaggiare anche se non fisicamente, e conoscere persone fino dall’altra parte del mondo.

A molti di noi ci è capitato, e c’è chi ancora vive l’amore in questo modo perché non ha alternative.amore a distanza

Alcuni ti possono domandare se ne vale la pena, e magari ti fanno venire anche il dubbio, ma il consiglio che posso dare è proprio quello di non ascoltare gli altri.

Spesso le persone che ci circondano cercano, per il nostro bene, di demotivarci e sconsolarci, ma la realtà  è che per quanto sia difficile avere la propria persona amata molto lontano, non è di certo impossibile affrontare la relazione con i chilometri che ci separano.

Il mio motto è Se è amore, non esiste distanza che tenga, e questo l’ho imparato per esperienza personale.

Sono dell’opinione che non esistono scuse in amore, tanto meno la distanza lo può essere.

Certo, non è di sicuro una condizione ideale di relazione, ma se ci si impegna in modo constante e senza farsi abbattere dai momenti bui, si potranno vedere i frutti dei propri sacrifici ed esserne ancora più orgogliosi.

Poi chiaramente ogni caso è a se, ogni distanza è relativa ed ogni relazione ha la sua storia.

Per me amore a distanza può essere perché si è di due diversi paesi, per altri lo è quando si abita in città diverse, e per altri ancora si parla di continenti. Ma non importano veramente i chilometri, ma come noi li interpretiamo.

Certamente più si è vicini e meno saranno gli ostacoli e magari anche i costi, ma anche questo è veramente relativo.

Amore a distanza significa fiducia

Fiducia non solo nei confronti del’altra persona, ma soprattutto nella coppia e in sé stessi. E’ fondamentale per svegliarsi la mattina e pensare Ce la posso fare. 

fidarsi nell'amore a distanzaVedere il proprio amore in maniera positiva e pieno di quell’energia da impiegare per riuscire ad affrontare i chilometri che vi sono tra voi.

Avere sempre dei buoni propositi e non farsi abbattere da ogni piccolo screzio, che con la distanza ci può sembrare uno tsunami.

Chiaramente anche dall’altra parte c’è la necessità di dimostrarci che ne vale la pena.

Ci deve essere quindi anche fiducia nell’altra persona, e se di base vivere un amore a distanza non è tra i più semplici, se manca la fiducia nell’altro diventa un vero incubo.

Sarò sincera: con la distanza tutto si intensifica. La gelosia, le paranoie e tutto ciò che ne consegue. Ma questo non vuol dire che non si ha fiducia nell’altra persona.

D’altronde siamo umani, e quindi le nostre menti viaggiano anche quando non ne hanno motivo. Il fatto che non possiamo avere il controllo sulla nostra relazione come vorremo, ci porta a pensare spesso alle cose più brutte. Ma certamente queste preoccupazioni non devono essere la base della nostra storia d’amore, e quando lo diventano vuol dire che forse non è cosa.

Ma è quindi possibile vivere questo amore in maniera felice? Che cosa ci guadagno veramente se poi non so fino alla fine se funzionerà veramente?

Il prezzo che si paga in un amore a distanza è forse molto alto, per alcuni troppo. Ma sicuramente quello che si guadagna lo è ancora di più. Come dicevo prima, tutto si intensifica.

Si diventa grati per i piccoli gesti, ai quali si darà un’importanza anche smisurata <3

Tutte quelle piccole cose che ci fanno palpitare il cuore ci danno la forza ed il coraggio per lottare ogni giorno.

Per esempio svegliarsi la mattina con il messaggino del Buongiorno, il Ti amo, un cuoricino 😉 io personalmente non potrei mai stancarmene!

Alle volte, dal nulla, magari mentre lavori, ti manda una foto di voi due, che vi siete scattati in un momento di gioia e amore <3 E il cuore impazzisce perché vorresti smettere tutto quello stavi facendo per correre da lui, o anche solo chiamarlo.

Se poi pensiamo che un amore a distanza è fatto per lo più di conversazioni telefoniche o via chat, se siamo veramente in grado di tenerlo acceso, vuol dire con l’altra persona la comunicazione, che è alla sacrosanta base, è top!

Questo è sicuramente ragione di orgoglio dal quale poter trarre la giusta motivazione. Infatti, quando non c’è più comunicazione termina anche l’amore. Magari in situazioni normali si continua a stare insieme, forse anche perché vincolati da certe situazioni, ma in un amore a distanza questa regola vale più di tutte. Se non si hanno più cose da dire, finisce tutto e chi s’è visto s’è visto!

Quindi sicuramente non devi aver paura di perdere del tempo, perché ci metterai poco a capirlo.

Ma se da un lato dobbiamo godere di tutti i piccoli gesti e di tutte le piccole cose che riusciamo ad ottenere, rimane il fatto che dall’altro lato abbiamo bisogno di godere anche in altri termini.

Sembrerà stupido, ma prima di passare al sesso telefonico o a distanza, vorrei accennare ad un metodo forse anche un po’ antico, ma per me di grande effetto.

Immaginare di fare l’amore con l’altra persona!

Il segreto sta nel ricordarsi, ripensare e quindi rivivere.

Focalizzare i dettagli, la situazione, gli odori, il luogo, i vestiti ma soprattutto il volto dell’altra persona. Rivivere la sua pelle e le sue mani, per non parlare del suo membro 😉

imparare ad affrontare l'amore a distanzaPer alcuni può essere la prima volta che si ha fatto l’amore, per altri può essere la notte di sesso sfrenato in cui si era ubriachi al compleanno dello zio 😉

L’unica cosa che importa è che vi abbia colpito talmente tanto che il solo ripensarci vi faccia venire le farfalle allo stomaco.

A questo punto, una volta rimembrato quel momento di fuoco, cominciate a masturbarvi, immedesimandovi in quel momento, ricordandovi che cosa vuol dire averlo dentro di voi, con tutta sua potenza.

Ma attenzione! Non abbiate fretta di arrivare all’orgasmo e fare le ingorde! Fate durare questo momento quanto più potete, così anche l’intensità cresce, e alla fine di tutto vi accorgerete che concluderete con un bel sorrisone.

Vedrete che non sarà stato un semplice atto di masturbazione, ma avrete rivissuto un bellissimo momento di passione, che vi darà ancora più motivazione per aspettare il tanto atteso momento dell’incontro.

Riprendersi in filmati o farsi le foto “sconce”

Un’altro modo per riuscire a trarre piacere fisico dall’amore a distanza è inviarsi a vicenda le classiche foto sexy, oppure i filmati.

Da donna, ammetto che si possa provare piacere anche solo ad inviarle, piuttosto che a riceverle, perché la reazione dell’altra persona gioca un ruolo fondamentale nell’eccitazione della donna.

Effettivamente a chi non piace fare gonfiare l’uomo che sia ama? E riuscire a farlo ci eccita tantissimo. Quindi questo è uno strumento 2 in 1!

Per non parlare di quando le si ricevono.

Non vi è mai capitato di essere fuori casa, magari a fare la spesa, e magari nel reparto dei salami, e di ricevere una foto nella vostra chat, e quando la aprite vedete a tutto schermo il pene gonfio e tutto venoso e potente di lui, che quasi ti ammicca come ad invitarti!?!amore a distanza bocca eccitata

Ecco a me in realtà è capitato!

Subito la reazione è di rimanere a bocca aperta quasi come ad accogliere l’invito, ma poi chiaramente ti rendi conto di essere in un luogo pubblico e quindi ti devi contenere.

Quindi cosa fai?

Corri in cassa, paghi quello che hai nel carrello, vai alla macchina, e comici a guidare con la vagina che ti pulsa.

Vai veloce perché non vuoi perderti quel momento di eccitazione e sai che devi cogliere l’attimo, quindi quando arrivi ti butti sul divano tirando fuori i vari arnesi e cominci una bella sessione di amor proprio.

Fare sesso telefonico

amore a distanza con sesso telefonicoNon dimentichiamoci del famoso sesso telefonico, anche se ormai gli strumenti che abbiamo lo portano spesso in secondo piano.

Il segreto di questa pratica è proprio quello di sentirsi se stessi senza esagerazioni varie. L’altra persona non deve sentire delle urla, a meno che non siano vere. Ma piuttosto gli basterà sentire i tuoi respiri, e i tuoi incontenibili gemiti.

Per riuscirci è quindi fondamentale non avere filtri con l’altra persona, e quindi sentirsi liberi e non vergognarsi di nulla. E’ infatti una pratica sessuale normalissima, che ha spesso salvato diverse relazioni a distanza.

Come fare quindi? Semplicemente rilassarsi al telefono (on in web-cam in certi casi) assieme all’altra persona, abbassare i toni della voce come quasi a sussurrare nelle orecchie. Se è la prima volta per voi, cominciate descrivendo quello che indossate, mano mano che ve lo levate. Vi può essere molto d’aiuto chiudere gli occhi, ed immaginare che sia lui a spogliarvi. Quando sentite che l’atmosfera si fa calda potete cominciare ad accarezzarvi, senza necessariamente descrivere ogni mimino particolare. E’ sufficiente infatti dare l’input per permettere all’immaginazione di fare la sua parte. Arriverete ad un certo punto che non avrete nessun timore nel continuare e nel fare sentire all’altra persona come godete.

Sesso via App

Viviamo nell’era delle applicazioni per gli smartphone.

Vi pareva che non ne creavano una per il sesso a distanza? Ma per fortuna che ci hanno pensato!

Infatti esistono dispositivi molto simpatici e divertenti che ci possono aiutare in caso di esigenze fisiche alle quali non riusciamo a applicazioni smartphone per l'amore a distanzasopperire per colpa della distanza.

A partire dal classico ovetto, esistono anche veri e propri vibratori che possono essere controllati da una applicazione anche dall’altra parte del’emisfero terrestre. A questo punto non ci sono più scuse XD

Farsi controllare le vibrazioni e l’intensità si avvicinerà molto al momento in cui fate l’amore o sesso, ed è lui a decidere la velocità e l’intensità di come ti penetra.

Tutto questo per rendere l’intimità di coppia, seppur divisa da chilometri, attiva e giocosa. Infatti ricordiamoci che il gioco non deve mai mancare, e se non è così semplice farlo diventare parte della propria quotidianità in relazioni normali, figuriamoci quando si è distanti.

Mantenere attivo un rapporto, vuole dire anche motivarlo al sorriso con il gioco.

Ridere e scherzare, anche in momenti di passione, è liberatorio, e metterci un po’ di piccante è salutare.

Non mi resta altro che augurarvi buona fortuna, nella speranza che viviate il vostro rapporto nella maniera più serena possibile.

Non rinunciate a far battere il vostro cuore!

 

 

 

Il gusto dei preliminari: Padding con l’aiuto dei sex toys

l'importanza dei preliminari

Preliminari? Non solo baci e carezze

Non c’è cosa più bella che cominciare il rapporto sessuale con i preliminari, chiamati anche Padding.

Ma per alcuni non è molto chiaro il termine, limitandolo ai semplici baci e carezze che, per l’amor del cielo, sono un elemento fondamentale, tuttavia spesso non sufficienti a noi donne.

I preliminari sono un vero e proprio rituale che spesso portano anche più piacere del sesso stesso.

E’ infatti molto importante dargli il giusto valore, ed essere coscienti che anche tramite essi si approfondisce la conoscenza del proprio partner a 360 gradi.

Sapere quello che eccita l’altra persona ed essere in grado di mettere in pratica tutti i trucchetti per accendere la fiamma dentro di lei, è spesso più eccitante del ricevere piacere.

Tra le tante differenze tra uomo e donna, c’è spesso anche quella che alcuni uomini tendono a saltare i preliminari perché li considerano una scocciatura, non vedendo l’ora di tuffarsi con il proprio pene dentro a quel posto caldo e accogliente che è la nostra vagina.

Le conseguenze le sappiamo bene, perché per noi donne non è così automatico e meccanico l’essere pronte a quel momento. D’altronde agli uomini è sufficiente che gli si gonfi il pene, ma noi dobbiamo essere pronte e ben lubrificate ad accogliere, il ché è ben diverso.

Mantenere ampi orizzonti con l’aiuto dei preliminari, per conoscere se stessi ed il proprio partner

Appurato che i preliminari sono fondamentali ad una buona riuscita del rapporto sessuale, parliamo ora dell’atto pratico.

La chiave nei preliminari è la conoscenza delle zone erogene.

Ognuno di ha dei punti ben precisi del proprio corpo che se stimolati nel modo giusto portano inevitabilmente (oserei dire: E MENO MALE! :)) all’eccitazione e quindi al piacere.

E se pensiamo di conoscerci alla perfezione, mi domando se non vi è mai capitato di rimanere di stucco almeno una volta nell’aver scoperto un punto che non avreste mai pensato potesse recarvi uno sconvolgimento corporeo.

Bene, se vi è capitato allora riflettete su quello che pensate di sapere veramente sul vostro partner.

Un buono strumento per conoscere se stessi e l’altro sono per l’appunto i preliminari.

Il rischio di rimanere con la mascella mascella bloccata per via dei preliminaribloccata

Concentriamoci sui genitali, quali punti erogeni per eccellenza.

Oramai, bene o male, sappiamo tutti quali possono essere le varie stimolazioni, sia per uomo che per donna, che si usano di più e sono più frequenti.

Sto parlando delle stimolazioni in cui magari c riteniamo “esperti/e”.

Ma dopo un po’ che le si mettono in pratica tutte volte prima di fare l’amore.. CHE NOIA!

Soprattutto alcune volte si rischia di rimanere con la mascella bloccata (sia per lui che per lei) a forza di ripetere sempre le stesse cose.

E se non è la mascella, magari il giorno dopo è a carne greve al braccio, o altro.

Per questo motivo, reputo sano e divertente avvalersi di qualche giochetto, che siano i giochi di ruolo, oppure i fantastici Sex Toys.

Preliminari da urlo? Garantiti!

Lo sguardo curioso

Un esempio dell’utilizzo dei Sex Toys è la classica masturbazione, con l’aiuto del proprio giocattolino, di fronte al proprio partner, che non vedrà l’ora di prendere il posto di quel pezzo di gomma tanto fortunato.

Eccitantissimo per l’uomo, ma anche per la donna.preliminari da urlo

L’essere guardata quando si prende il controllo sul proprio piacere ed eccitare l’altro facendolo, scatta nella donna un qualcosa di veramente potente. Difatti a chi non piace essere desiderata?

Preliminari a distanza

Un altro modo per cominciare i preliminari è giocare con il fantastico ovetto.

Può durare anche una intera giornata, e francamente l’essere sorpresa, nei momenti più disparati, dal tuo partner che decide di premere il ovetto vibrante per preliminaripulsantino “ON” del telecomando, ti farà accumulare desiderio da vendere.

Infatti è molto eccitante anche l’essere in balia del potere decisionale dell’altro, e quindi vittima dell’effetto SORPRESA!

Vibriamo insieme

Ma passiamo a momenti ancora più piccanti.

Come ben sappiamo i sex toys sono stati creati anche per l’uomo.

Quindi perché non decidere di stimolarsi a vicenda con l’aiuto di questi?

Per esempio, praticare una bella 69 dove ognuno dà il via al vibratore sul genitale dell’altro.

Provatelo stimolando la zona perineale e l’ano dell’uomo, e gli farete vedere le stelle.

Il BACIO: perché ci piace così tanto

il bacio senza tempo

Baciare è una delle cose più belle dell’amore!

Il bacio può manifestare tante emozioni, dalla tenerezza fino all’erotismo puro;

Secondo il Tantra il bacio, chiamato poeticamente “Contatto delle porte superiori“, fonde i sentimenti e armonizza le emozioni della coppia ed è il preliminare più potente prima del sesso.

il bacio come prima forma di passione

Il bacio è il primo contatto fisico tra due persone, prima di arrivare al sesso e anche la prima impressione che si ha del partner.

Avete presente quella vocina che, mentre baci, ti dice “ok, questo è quello giusto” oppure “oddio, ma come bacia questo??” , ecco il bacio è la prima mossa che ti fa capire se sarà una serata davvero indimenticabile o se hai sbagliato il rimorchio anche stavolta!

Lo sapevi che ci vogliono almeno 15 baci per le donne e 16 baci per l’uomo prima di imparare a baciare bene? Quindi keep kalm e tieni duro, se non sa baciare potresti insegnarglielo tu, magari tenendogli la testa fra le mani e avvicinandolo o allontanandolo a tuo piacimento, oppure sfuggendo alle sue labbra per baciarlo altrove.

Hai mai fatto caso che gli uomini preferiscono i baci umidi? C’è un perché: i baci umidi veicolano con la saliva il testosterone, un ormone legato all’eccitazione sessuale per entrambe i sessi. I maschi, con un bacio umido, depositano nella bocca della donna il testosterone che aumenta l’eccitazione sessuale.

Testosterone a parte, il bacio è l’allegoria del rapporto sessuale, dove la lingua penetra ed esplora il partner, e le la bocca ricorda le grande labbra vaginali.

Inoltre quando si bacia, il nostro corpo rilascia ossitocina, conosciuta anche come “ormone dell’amore“, un ingrediente unico che ci regala felicità e benessere, innescando la libido e facendoti sentire felice e appagata.

il bacio appassionato di 50 sfumature di grigio

LEGGI ANCHE

Eteroflessibili: donne in cerca di donne

5 cose che gli uomini dovrebbero sapere del piacere femminile

Squirting: non è impossibile, ecco come arrivarci

6 Luoghi comuni sul SESSO ANALE

sesso anale: come affrontarlo

6 luoghi comuni sul sesso anale

Sesso anale, questo sconosciuto!

Nonostante tanti luoghi comuni siano stati sorpassati, il sesso anale rimane ancora avvolto nel mistero per buona parte delle donne ( e anche uomini). Se fate parte degli scettici sul rapporto anale ecco qui alcune risposte alle domande più frequenti che mi sento fare quando si parla di sesso anale:

1. IL SESSO ANALE FA MALE?

No! Tieni a mente queste tre parole: lubrificazione, rilassamento, gradualità. Questi step devono essere alla base di un buon rapporto anale. Una buona lubrificazione è fondamentale per provare sensazioni piacevoli, indispensabili lubrificanti a base acquosa come questo, vi aiuteranno a ridurre l’attrito della penetrazione e a rendere la stimolazione più confortevole; un piccolo aiutino per il sesso analeVi sentirete più rilassate e a vostro agio. Inoltre è importante andare per gradi, ricordate che anche le “esperte” del rapporto anale ogni volta ripartono da capo, ovvero dalla stimolazione della zona e da penetrazioni graduali partendo magari da un dito. Dimenticatevi quello che si vede nei film porno! Sappiate che dietro le quinte si inizia con la gradualità proprio come farete voi novelle del rapporto anale.

2. E’ ANTIGIENICO?

Solo se praticato nella maniera scorretta. L’utilizzo del preservativo aggira il problema, se non ne siete convinte, in commercio esistono doccette intime apposite, per pulire a fondo la zona. Importante ricordarsi di non passare dal rapporto anale a quello vaginale senza cambiare preservativo.

Un consiglio? Partite dal rapporto vaginale classico per poi approdare solo in un secondo tempo al “lato B”.

3.  POSSO DIVENTARE INCONTINENTE?

No. Il malfunzionamento dello sfintere è riconducibile a diverse cause, raramente causa dell’attività sessuale. Se il sesso è praticato nel rispetto del partner la risposta fisica può essere solo piacevole, tutt’altro che traumatica.

Sfatiamo anche il luogo comune del defecare involontariamente durante il rapporto, è praticamente impossibile, se tutto viene svolto con gradualità e rilassatezza sentirete solamente piacere, nulla a che fare con lo stimolo di defecare, il sesso anale non è come inserire una supposta!!!!

4.  SI PUO’ RIMANERE INCINTA?

No. L’unica remota ipotesi è che lo sperma, fuoriuscendo dall’ano, venga in contatto con la vulva,premettendo il passaggio degli spermatozoi. E’ estremamente improbabile che ciò avvenga in ogni casa basta prestare attenzione e magari fare indossare il preservativo che non guasta mai.

5. ESISTE L’ORGASMO ANALE?

Si. La zona dell’ano, oltre ad essere più stretta, quindi sensazioni più intense per entrambe, è anche riccamente innervata. Da ciò ne deriva un piacere molto inteso, fino all’orgasmo se viene praticata la giusta stimolazione in un contesto erotico adeguato che significa anche complicità. Ricordate che infrangere un tabù regala spesso caldi brividi di eccitazione.

Che cosa? sesso anale?

 

6. L’UNICA POSIZIONE E’ LA PECORINA?

No. Nonostante la pecorina o doggy style sia la prima posizione che ci viene in mente, tutte le posizioni sono adatte al sesso anale quindi via libera alla sperimentazione. Come nel rapporto classico ogni posizione regala una sensazione più o meno intensa, sta a voi sbizzarirvi tra le posizioni e trovare quella che più vi piace.

Io ve ne consiglio due: la cowgirl, con lei sopra, per sensazioni molto forti e la posizione del cucchiaio ( i due partner distesi su un fianco, con lui dietro e lei davanti) per le più romantiche.

Pronte ad amplificare le vostre esperienze di piacere???

LEGGI ANCHE:

L’ A B C  DEL SESSO ANALE

SPANKING: L’ARTE DELLA SCULACCIATA

LA SCELTA DEL LUBRIFICANTE: SILICONE VS ACQUA

 

Kamasutra: la versione aggiornata

kamasutra 2020

Kamasutra: la versione aggiornata

Avete presente il Kamasutra? Ovvero l’arte del sesso declinato in tutte le posizioni possibili?

Ecco, se non vi siete mai avventurati oltre una classica pecorina, un missionario o una cowgirl style potreste invece riconoscervi più facilmente nelle illustrazioni delle nuove posizioni della famosa arte erotica aggiornata da due ragazzi, Simon Rich e Farley Katz, che hanno scritto e illustrato un nuovo manuale del sesso per coppie sposate, aggiornando le posizioni alla quotidianità  che ci impone la vita moderna di coppia.

Ecco alcuni esempi:

kamasutra moderna kamasutra rivisitato kamasutra scoreggina La gelosia del kamasutra di oggi
punizioni e kamasutra mettiamo una pietra sopra al kamasutrakamasutra in solitaria

 

 

 

Preferite il Kamasutra tradizionale?? Come darvi torto!

Non disperate, una soluzione c’è sempre! Siete in un sexy shop, quindi via libera alla fantasia e divertitevi con sextoys, accessori, lingerie e cosmetici erotici!!!

HAVE FUN!

LEGGI ANCHE

Spanking: l’arte della sculacciata

Doppia penetrazione: tutti i segreti e le istruzioni per l’uso

Squirting: non è impossibile, ecco come arrivarci